Dona il tuo 5x1000

Scegliere di destinare il 5x1000 a Stand Up For Jamaica è molto semplice e soprattutto non ti costa nulla.
Clicca il link qui sotto per scoprire come fare!
Scopri come donare

puoi fare un'offerta libera

Clicca per pagare con carta di credito o Paypall

 

oppure:

- bollettino di conto corrente postale intestato a Associazione Stand Up for Jamaica Onlus sul conto n. 86195609.
- bonifico bancario intestato a Associazione Stand Up for Jamaica Onlus sull'IBAN IT19U0760103200000086195609.

 

puoi acquistare bomboniere solidali

PUOI RENDERE UNICI I TUOI MOMENTI SPECIALI
In occasione di matrimoni, battesimi, comunioni, lauree e ogni altra ricorrenza importante, puoi festeggiare con Stand Up For Jamaica scegliendo uno dei nostri regali solidali!

Puoi scegliere tra partecipazioni, pergamene di ringraziamento, inviti, scatoline per i confetti e tante altre idee.
Tutte personalizzabili inserendo la data, il luogo ed il nome del festeggiato!

Contattaci all’indirizzo beneficenza@standupforjamaica.org per tutte le informazioni. Il tuo contributo si trasformerà in un aiuto concreto, mentre i tuoi amici e parenti riceveranno la testimonianza di un importante gesto di solidarietà.


puoi viaggiare

Evolution Travel con Valentina e Serena Mazzatenta, responsabili dell'offerta turistica Jamaica, dal 2010 hanno deciso di destinare una somma a Stand Up For Jamaica, per ogni viaggiatore. Con l’iniziativa VIAGGIA E AIUTA IL MONDO inizia la collaborazione tra Evolution Travel e Stand Up For Jamaica per fare in modo che quest’isola, paradisiaca per noi viaggiatori, dia maggiori opportunità e speranze ai giamaicani! Tutti voi, se lo vorrete, potrete partecipare con un contributo minimo di 10 euro e ricevere la tessera di appartenenza a Stand Up For Jamaica. Scegli il tuo Viaggio in Jamaica e darai anche tu un aiuto a questa importante iniziativa!"

 

a cosa serve il tuo aiuto

Chi sa di Giamaica ama la sua musica, una colonna sonora unica e trascinante con testi che raccontano la vita e le tribolazioni di un popolo segnato da un passato di sofferenze e umiliazioni. Le parole del reggae possono essere pesanti come pietre e rivendicano continuità rispetto alle radici africane, esigono attenzione e rispetto nei confronti di una reality che il sogno di molti si ostina a dimenticare. Infatti la quotidianità giamaicana è dura e molto spesso totalmente ignorata da visitatori e reggae lovers.

I ghetti si moltiplicano, segnalando una situazione di indigenza e disperazione che ha generato quel mito di violenza, spesso troppo sottolineato, per cui l'isola è famosa.
Drammatica mancanza di lavoro, accentramento della ricchezza nelle mani di pochissimi, corruzione senza vergogna in tutti i settori pubblici, esasperante indifferenza della classe politica nei confronti dei sufferers abbandonati a se stessi e costretti al silenzio di chi non ha voce per essere rappresentato.

Una mafia strisciante che consegna interi quartieri al potere dei don, i boss della malavita che prosperano con il traffico della cocaina, l'arroganza e lo strapotere delle forze di polizia, sono storie di tutti i giorni.
Il malessere è vistoso e visibile e si traduce in invivibilità e violenza. Dagli Stati Uniti arrivano carichi di armi da distribuire ai bad boys che fanno la legge nei ghetti dove i più, costretti dalla povertà, imparano a convivere con la paura, la solitudine sociale, la rassegnazione.
Invece di dare una risposta vera ai problemi da risolvere il governo giamaicano ha adottato come deterrenti un potenziamento delle forze di polizia, che hanno praticamente carta bianca in situazioni considerate di emergenza, e un inasprimento delle pene.
La pena di morte per impiccagione è tutt'ora in vigore e, nonostante le esecuzioni risultino di fatto sospese dal 1988, oggi un revival di giustizialismo rende imminente l' impiccagione di almeno sei dei quarantadue detenuti nel braccio della morte. Le condizioni dei detenuti rinchiusi nel braccio della morte, veri e propri ostaggi della prepotenza delle guardie carcerarie, sono pesantissime. Manca tutto, dai materassi all'assistenza medica, dal cibo al sapone.
Un gruppo di avvocati, attivamente impegnati nella difesa dei diritti umani, ha deciso di garantire loro assistenza legale poiché nessuno dei condannati è in grado di pagarla, e di adoperarsi per presentare ricorsi contro le loro esecuzioni.
Proprio per affiancare l'operato di legali e volontari è nata l'Associazione Stand Up for Jamaica Onlus.
Occorrono soldi per assistere i detenuti, occorrono aiuti per presentare a Londra i loro ricorsi.
Ti chiediamo di partecipare alla campagna pro Giamaica non solo con i soldi ma anche con ogni forma possibile di impegno, di divulgazione perché l'isola della musica non dimentichi le parole di Bob Marley.
One Love, One Heart.